NEWS

Visita al Forte di Pozzacchio

Valmorbia, discorrevano il tuo fondo
fioriti nuvoli di piante agli àsoli.
Nasceva in noi, volti dal cieco caso,
oblio del mondo.
Tacevano gli spari, nel grembo solitario
non dava suono che il Leno roco.
Sbocciava un razzo su lo stelo, fioco
lacrimava nell'aria.
Le notti chiare erano tutte un'alba
e portavano volpi alla mia grotta.
Valmorbia, un nome e  ora nella scialba
memoria, terra dove non annotta.

Eugenio Montale
da Ossi di seppia 1954

SAFER INTERNET DAY: "SIDONNE"

"Può esserci un internet migliore anche per le donne?". Alla domanda cercheranno di rispondere, venerdì 28 marzo, Alexander Schuster giurista, Minella Chilà giornalista e Stefano Bussolon, psicologo e psicoterapeuta, in un evento promosso dall'Agenzia provinciale per la Famiglia e dal Centro di formazione professionale Opera Armida Barelli di Rovereto. A tenere il saluto iniziale sarà l'assessora alle pari opportunità Sara Ferrari in videoconferenza, mentre in conclusione dell’incontro Flavia Marzano, presidente di Stati Generali dell’Innovazione e docente alla Sapienza di Laboratorio di Tecnologie per la Comunicazione Digitale, fornirà un esempio di crescita delle comunità di persone nella rete.

Per visualizzare la conferenza in live streaming è necessario andare alla pagina live.videoconf.provincia.tn.it. Per visualizzare correttamente il video è necessario installare il plugin Silvierlight, scaricabile da questa pagina

Clicca il titolo per leggere il resto dell'articolo

UN PROGETTO CREATIVO E COINVOLGENTE AL C.F.P. DI LEVICO TERME: DIAMO NUOVA VITA ALLE COSE AIUTIAMO LA COMUNITA'

Durante la pausa-pranzo della nostro C.F.P. DI Levico Terme (12.45 13.30) i ragazzi delle prime classi sono stati invitati ad incontrarsi per creare, con materiale di riciclo, oggetti utili da vendere a genitori, parenti ed amici. Tutto ciò per raccogliere fondi per rimodernare il laboratorio di cucina della nostra scuola.
A questi lavori andranno ad aggiungersi altri oggetti, creati nei laboratori di manipolazione dai ragazzi con bisogni educativi speciali e presso il Convitto dell'Opera, nel quale alloggiano 50 ragazze/i provenienti dalle valli periferiche del Trentino e del Veneto.

Cliccare il titolo per leggere l'articolo completo