#8marzo: Alle origini del nome

Per celebrare la Giornata internazionale della donna, rivoglimo lo sguardo indietro alla vita da attivista per l'emancipazione della donna della venerabile Armida Barelli:

Da sempre attiva nei movimenti femminili Cattolici, Armida Barelli nel 1946, a 64 anni, è in prima linea nella promozione del suffragio femminile. Lascia la presidenza della Gioventù Femminile e gira tutta l’Italia facendo anche sei discorsi al giorno, preoccupata soprattutto di combattere l’astensionismo delle donne nelle elezioni del 1946 e 1948. Considerava, infatti, la partecipazione delle donne al voto come arma contro i totalitarsimi. Nel frattempo, le sue fondazioni, tese a valorizzare e promuovere la personalità della donna, si estendono anche in Venezuela, Australia, Bulgaria, Stati Uniti d'America, Cina.

Buona festa della donna!

Allieve Barelli sul podio dei GSS di Snowboard

Anche quest’anno la nostra scuola ha partecipato alle fasi provinciali dei GSS di snowboard. Le gare si sono svolte in Folgaria il 19 febbraio; ottimi i risultati delle nostre atlete, sostenute da un pubblico d’eccezione. Daniela Caneppele si è piazzata terza nella categoria Allieve e ha contribuito assieme alla compagna Alessia Visintin a portare a casa un terzo posto anche per la categoria Squadre Allieve facendo salire sul podio CFP Barelli-Rovereto.

Avanti tutta ragazze!! Con la speranza, negli anni futuri, di poter gareggiare su più discipline sportive. 

Esiste una medicina che ci fa sentire bene, ci rende più belli, fa crescere i bambini sani ed è un'ottima scusa per passare del tempo con chi ci sta simpatico. Tiene alla larga le cattive abitudini e spesso dalle cattive compagnie, mantiene il cuore in forma e allontana molte malattie. La medicina dei miracoli è lo SPORT!

 

Uscite al Museo Storico della Guerra

La storia non si dovrebbe studiare solo sui libri, ma diventa interessante quando si risale alle fonti. Con questo spirito le classi IC e IE dell’Istituto hanno visitato il bellissimo Museo storico della guerra di Rovereto per due differenti laboratori sulle fonti, “Voci e oggetti della Grande Guerra”, per approfondire la vita dei soldati protagonisti del primo conflitto mondiale e “Civili, donne e bambini nella Grande Guerra”, per ricordare la sofferenza della gente comune, tra cui moltissimi trentini, che il confitto non l’hanno fatto ma subito attraverso deportazioni cariche di sofferenze, per poi tornare a casa e non trovarla più.

Con la speranza che la storia una maestra di vita lo sia davvero.

 

Progetto Legalità 2015/2016

Si è da poco concluso, con successo, il Progetto Legalità 2015/2016, una serie di incontri con le forze dell’ordine per far crescere nelle giovani generazioni la cultura della Legalità e per imparare a riconoscere nella divisa qualcuno che ti può aiutare in alcuni momenti di difficoltà.

Le classi seconde hanno avuto l’opportunità di approfondire con la Polizia postale le insidie della navigazione in rete e dei social network, nonché di confrontarsi coi Carabinieri sul concetto di responsabilità.

Le classi terze sono state messe in guardia dalla Polizia stradale sui pericoli della strada, che troppo spesso è fatale ai giovanissimi, ed hanno anche avuto occasione di incontrare il Nucleo antisofisticazioni dei Carabinieri in una lezione sugli aspetti specifici legati alla professione di acconciatura ed estetica.

La guardia di Finanza invece si è rivolta ai quarti anni e al percorso di abilitazione all’esercizio dell’attività di estetica per tutto ciò che concerne la gestione di un’attività di impresa.

Il tutto con la convinzione che la prevenzione sia l’arma migliore.

Pagine