RISCATTO MEDITERRANEO: INCONTRO CON GIANLUCA SOLERA

INCONTRO DELLE CLASSI TERZE E QUARTA HAIR OPERATOR CON L’AUTORE GIANLUCA SOLERA

Lunedì 26 maggio gli allievi delle classi terze e la classe quarta Hair Operator di Rovereto hanno incontrato lo scrittore Gianluca Solera.  Consigliere al Parlamento Europeo per 10 anni e coordinatore delle reti della Fondazione Anna Lindh per il dialogo fra le culture, Solera si definisce, per storia personale, esperienza professionale ed impegno civile, un uomo di frontiera che ama dialogare, costruire ponti, affrontare crisi, e conflitti senza pregiudizi e portare la società in movimento nelle istituzioni.

Abita in Egitto con la moglie ed i 3 figli, ed ha studiato, viaggiato e vissuto in diversi paesi europei e del Mediterraneo.

Durante i movimenti rivoluzionari e di protesta che hanno caratterizzato la primavera araba, ha vissuto in diretta gli avvenimenti che hanno riportato il Mediterraneo al centro dei grandi cambiamenti della storia. Da queste esperienze è nato “Riscatto Mediterraneo”, un reportage letterario che gli allievi dell’Opera Armida Barelli hanno avuto l’opportunità di leggere con i loro docenti di storia, preparando alcune domande da rivolgere all’autore durante l’incontro.

Chi sono i protagonisti di queste ribellioni? Come si muovono, come si organizzano e in cosa sperano i giovani di questa generazione in rivolta? Che cosa hanno in comune questi movimenti che, in questi tempi di crisi, hanno tracciato il cammino di rinascita e progresso della regione "culla delle civiltà"? …

Solera ha risposto alle curiosità dei ragazzi illustrando esperienze vissute sulla propria pelle e presentando figure di giovani che, a costo di sfidare la morte, hanno deciso di prendere in mano il loro futuro ribellandosi alle ingiustizie e sottolineando il valore della libertà, del lavoro e della giustizia sociale.

uscita orientativa presso l'A.P.S.P. Valle dei Laghi di Cavedine

22 maggioSiamo stati accolti con entusiasmo dalla coordinatrice Dallapè e dal direttore dott. Dalbosco. La giornata è stata molto interessante e ci ha permesso di visitare una struttura all'avanguardia per quanto riguarda l'assistenza: stanza snoezelen, pet therapy, ricerca e sperimantazione per i malati d'Alzheimer, Un grazie a tutto il personale per l'accoglienza, per la gioia e la simpatia che ci hanno trasmesso. - Classe II OSS

ESITO ESAME DI ITALIANO E CONVOCAZIONE ALL'ESAME DI AMMISSIONE AI CORSI PER "OPERATORE SOCIO SANITARIO" GESTITI DALL'OPERA ARMIDA BARELLI - AVVISO

Di seguito si pubblicano gli esiti dell'esame di italiano di coloro che hanno presentato domanda di iscrizione ai corsi OSS di Borgo Valsugana, Levico Terme e Riva del Garda.

ESITO ESAME ITALIANO

Si conferma che, per la sola sede di Levico Terme, giovedì 11 settembre alle ore 08.30 è previsto l'esame di ammissione ai corsi per Operatori socio-sanitario per il biennio formativo 2014-2016.

Per quanto riguarda le tre sedi di Borgo Valsugana, Levico Terme e Riva del Garda si precisa quanto segue:

  • I candidati presso la sede di Borgo Valsugana sono tutti ammessi in quanto non è stato raggiunto il numero massimo di 35 previsto dal bando
  • I candidati presso la sede di Levico Terme devono presentarsi all'esame sopra indicato. L'elenco dei convocati all'esame è consultabile cliccando QUI. Si fa presente che la selezione sarà per 33 posti in quanto 2 persone hanno il posto riservato avendo i requisiti richiesti dal bando.
  • I candidati presso la sede di Riva del Garda sono tutti ammessi in quanto è stato raggiunto esattamente il numero massimo di 35 previsto dal bando, per effetto degli esiti dell’esame di italiano. Pertanto, si invitano gli iscritti a presentarsi direttamente presso la sede di Riva del Garda il giorno 7 ottobre ad ore 9.00 per l’inizio delle lezioni. Da questo momento, fino al giorno 27 settembre, è possibile perfezionare l’iscrizione attraverso il versamento della quota prevista (come da bando) sul c/c 14831382 intestato a “OPERA ARMIDA BARELLI”, causale “ISCRIZIONE CORSO OSS I CICLO 14 – 15 RIVA DEL GARDA”

Una bellissima esperienza

Una bellissima esperienza quella di trascorrere tre mattine in compagnia di ragazzi e ragazze per parlare dei miei libri e quindi di stili di vita legati al consumo di alcolici. Ovviamente con le naturali ed ovvie resistenze di chi in qualche modo ne difende il consumo. Ma è normale che sia così ed io mi sono presentato a loro senza dare consigli, senza raccomandare di non bere ma facendo capire l’opportunità di prendere le distanze dalla sostanza. Ho semplicemente condotto la loro attenzione sulla realtà delle cose, sugli aspetti della sicurezza e dei rischi legati anche a bassi  od occasionali consumi. Ovviamente non poteva mancare la presentazione dei miei due romanzi e un accenno alla storia della mia famiglia correlata al problema alcol. Questi incontri non sono mai improduttivi, e lo dico per esperienza di anni, perché in qualche modo sensibilizzano  e mettono in discussione. Ed è questo l’obiettivo, non quello di dire loro quello che devono fare. Una ragazza ha trovato il coraggio di dire che nella sua famiglia c’è il problema alcol. Coraggio il suo e forse determinazione nel voler risolverlo o quantomeno affrontarlo. Certo, ascoltarli e coinvolgendoli hai la sensazione di camminare in un campo minato ma poi ti rendi conto che i loro attaccamenti all’idea che non si possa rinunciare al bere sono costruiti sulle regole del gruppo e sull’idea di sapersi limitare.

L’ultimo incontro è stato con gli studenti Oss ( Operatori socio sanitari ). Qui le cose sono un po’ cambiate rispetto agli altri due gruppi ma questo forse perché la loro scelta rispetto al tipo di scuola rivela una particolare attenzione al mondo della salute e del benessere degli altri  che poi si sostanzierà nell’assistenza, nella vicinanza al disagio e nel metterci del proprio come emozione, empatia, ascolto. Come del resto ci si aspetta da professionisti del sociale.

Un grazie particolare alla Direzione e ai formatori della Scuola di Formazione “Barelli” di Rovereto. E un abbraccio alla ragazza “coraggiosa”.

Franco Baldo

Pagine